Registrati

User Registration

This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

Marche in moto – La panoramica di Valentino Rossi

Questa tappa è sponsorizzata da

italia_marche_romagna

Non è difficile immaginare come mai proprio questa strada, basta imboccarla da Gabicce monte per capire che l’esperienza sarà meravigliosamente appagante

Chi vuole farsi una panoramica?

Marche in moto. Uno degli itinerari più suggestivi della motorvalley romagnola e marchigiana.Da Tavullia passando per Gradara

Si parte da Rimini salendo poi verso San Giovanni in Marignano, attraversando la statale adriatica per svoltare prima di Cattolica. Stiamo per inoltrarci nel regno di Valentino e prima di lui della famiglia Malatesta e questo è indice di strade perfette per i motori ma anche ricche di storia e di paesaggi incantevoli.

Da San Giovanni in Marignano svoltiamo, direzione Urbino per Tavullia, attraversando territori che oggi come nell’antichità coltivavano il grano consentendo ai signori del luogo di prosperare e arricchirsi.


Tavullia ci accoglie vestita di giallo, il colore di Valentino che qui è nato e ancor oggi risiede quando la sua attività glielo permette  .
E’ un paese di circa 7500 abitanti di origine medievale, teatro di scontri violenti tra la famiglia dei Malatesta e quella dei Montefeltro; oggi a scontrarsi, invece, sono i grandi campioni del motociclismo quando vengono a trovarlo al ranch.
Svoltiamo all’incrocio verso Gradara per fermarci ad ammirare la pista del Ranch dall’alto……… Sarebbe bello fare un giretto!!!

marche in moto - il ranch
 

Gradara e il suo castello

Per il momento ci godiamo la valle verso Gradara che è a dir poco stupenda, da lontano scorgiamo il castello che lega il suo nome a quello degli amanti più famosi della storia, Paolo e Francesca, resi immortali da Dante nella “Commedia”.

gradara_il castello

Qui tra questa valli, tra la Romagna e le Marche, tutto si sovrappone; un minuto prima sei concentrato sui tornanti e il minuto dopo stai ammirando una Rocca medievale o un castello come quello di Gradara che conserva intatta la sua mole restituendo a noi la grandezza del suo tempo e dei personaggi che lo hanno abitato.

Si guida verso la costa adriatica

Iniziamo la discesa verso Cattolica, “La Regina” che oltre ad essere località turistica ospita anche così come Bellaria un’importante flotta peschereccia ed un porto collegato ad una darsena molto carino. Subito aldilà del Tavollo, il torrente che separa Cattolica da Gabicce e di fatto la Romagna dalle Marche, inizia finalmente la Panoramica.

cattolica_il porto

Ecco la panoramica

La panoramica si potrebbe affrontare in due modi; il primo con il gas a manetta, curva dopo curva, salita dopo discesa, tornante dopo tornante con una fermata a Fiorenzuola di Focara.

Il secondo tranquillamente ammirando il paesaggio che si alterna tra l’azzurro del mare sotto di voi e i dolci e verdi declivi delle nostre vallate oltre che le varie fortezze che i Malatesta avevano collocato a difesa dell’Adriatico che incontrerete lungo il percorso.

Gabicce_la panoramica


Noi preferiamo la prima opzione ma solo perchè siamo del posto e conosciamo questo percorso alla perfezione e così, anche questa volta, imboccata la via che porta verso Gabicce monte,superata  la Baia degli Angeli o Baia Imperiale ( famosa discoteca degli anni 70 e 80 ),apriamo il gas quanto basta per divertirsi e poi giu’ tutto d’un fiato verso Pesaro.

Una visitina a Pesaro

Dopo 20/25 minuti di assoluta passione eccoci alla vista del porto di Pesaro. Scendiamo verso la città marchigiana capoluogo con Urbino della provincia centro rinascimentale che ospita diversi monumenti che raccontano una lunga storia a partire dall’età del ferro.

Dal 1285 al 1445 fu governata dai Malatesta e questo ce la fa apparire simpatica tenendo sempre conto dell’antagonismo e dell’antipatia virale che corre tra romagnoli e marchigiani .

Si rientra sulla panoraica

Una passeggiata per il centro città per rientrare poi nuovamente dalla panoramica.
Al ritorno cambia tutto ed ecco allora che si guida con un’andatura da crociera godendo del paesaggio, delle fortezze che si aprono sul mare azzurro e della bellezza di una natura che ci circonda.
Pit stop a Fiorenzuola di Focara che sorge su uno sperone roccioso a strapiombo sull’Adriatico, circondata dal giallo delle ginestre che da Pesaro t’accompagnano lungo tutta la strada. Puoi visitare un borgo ben conservato e, se hai voglia, scendere verso il mare attraverso un percorso a gradini che costeggia la montagna.
Giro del borgo in moto a Casteldimezzo per riprendere poi la statale di corsa verso casa.

Per scaricare il tracciato GPX devi essere un utente registrato.

Informazioni per il viaggio

Luogo di partenza: Rimini - Luogo di arrivo: Pesaro - Continente: Europa - Paese attraversato: Italia

Dettagli percorso

Luoghi e punti principali: Rimini, Tavullia,Gradara,Cattolica,Gabicce monte, Fiorenzuola di Focara,Pesaro

Note particolari
Km Percorsi

70.08

Le altre tappe del percorso

Itinerari nell’entroterra riminese Mentre il termometro impazza sulla Riviera, ci sono tanti posti nell’entroterra romagnolo o marchigiano dove passare una piacevole giornata a mollo nelle acque di un fiume. I più conosciuti sono lungo il Marecchia, Ponte Santa Maria…
Prologo: una moto ed un viaggio da organizzare A volte capita, facendo ricerche per progettare i  nostri viaggi, di incontrare storie che nel tempo sono diventate leggende, altre volte invece leggende che  possono trasformarsi in storie, anzi in una…
Succede spesso che nel nostro motovagabondare a cavallo tra Romagna e Marche (quelle vicino a casa nostra) scorrendo le cartine e le mappe aperte sul tavolo ci si lasci coinvolgere dal nome dei luoghi, specie di quelli capaci d’evocare…