Registrati

User Registration

This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

Tra passi e crinali 3a tappa

Questa tappa è sponsorizzata da

Emilia Romagna in moto – tra passi e crinali ci porta all’ultima tappa del nostro itinerario. Stiamo per raggiungere l’Adriatico attraverso gli appennini emiliano – romagnoli.

in viaggio tra passi e crinali
3° giorno – Km 370

In moto tra gli appennini

Scendiamo di buon mattino verso Sestola, lungo la SP324. Anche qui folle di turisti. Peccato, torneremo in giornate meno turistiche di queste perché la veduta del monte è veramente spettacolare. Si scende e verso Porretta il caldo inizia a farsi opprimente ma le strade continuano ad essere molto belle e frequentate sempre di più da motociclisti. Abbandonati gli impervi e solitari sentieri del parco del Frignano puntiamo dritti verso il lago di Suviana e, poco distante, il  bellissimo  lago di Brasimone con la sua piccola diga che oltrepassiamo per scendere lungo la provinciale 62 fino a  Castiglion dei Pepoli.

“I Passi” Ruta e Raticosa

Stiamo viaggiando a quote più basse e le foreste hanno ormai lasciato il posto ai campi di grano, mietuto da poco, o ai prati a pascolo che la terribile siccità di quest’anno ha reso marroni.

Il Passo della Futa e, poco oltre, il Passo della Raticosa ci riportano in maniera spettacolare nel nostro mondo. Decine e decine le moto d’ogni colore età e tipo (proprio come i loro centauri) che sostano davanti ai luoghi canonici d’ogni passo che si rispetti. Luoghi  magici dove si ritrova il gusto dello stare insieme ma anche della passione che lega tutti noi ai nostri amati motori.

In moto verso la Romagna

Pian piano ci avviciniamo alla Romagna e si vede. Proseguendo su strade e stradine attraverso un paesaggio che non potrebbe essere più suggestivo i colori e i rilievi mutano regalando viste mozzafiato lungo i crinali. Perse le asperità dell’alta quota dell’Appennino emiliano ci apprestiamo ad affrontare gli ultimi tratti di quello tosco – romagnolo che ci porterà sino al mare.
Curve, tornanti stretti e ripidi, sentieri luminosi e montagne come isole fatate continuano a confermarci di come sia bello viaggiare in moto. Ci sono strade però che meritano almeno una menzione particolare come la suggestiva  SP117 che dal passo della Raticosa scende verso Fiorenzuola o, imboccando via Castelvecchio verso Visignano poco oltre Sasso Zenobi, la piccola stradina che ci porta, dopo un’immersione nella natura, a ricongiungerci con la Strada Statale Montanara Imolese e poi proseguire tra curve e tornanti sino a Palazzuolo sul Senio, una bellissima e seminascosta località turistica. 

Si viaggia verso l’Adriatico

Il nostro viaggio sta per terminare e godiamo delle ultime curve che ci regala la SP306 direzione Marradi. 

Da qui lungo l’SP74 ci aspetta San Benedetto in Alpe, un piccolo ma interessante borgo all’interno del Parco nazionale delle foreste casentinesi, che ha la grande qualità di trovarsi ai piedi del Muraglione, il passo cult per ogni riders che si rispetti. Un sogno fatto di serpentine e tornanti capaci d’addolcire anche il tramonto di una giornata intensa e piena d’emozioni. San Godenzo, il passo ci accoglie al calare del sole così come tutta la valle che si apre sotto di noi. Portico di Romagna, Rocca San Casciano, Dovadola. Si respira ormai a pieni polmoni aria di Romagna e poi a Forlì per lo strappo finale sul breve rettilineo disegnato dalla A14 sino a Rimini.

Emilia-Romagna tra passi e crinali

Un viaggio unico e particolare per averci fatto conoscere nel loro insieme territori così diversi ma allo stesso tempo così simili d’una regione tra le più belle d’Italia lasciandoci negli occhi, cuore (e anche sulle micro sd card flash) immagini di un Appennino che vive e prospera dentro un ecosistema potente ma allo stesso tempo fragile e da proteggere. L’Emilia Romagna ha dimostrato di avere tutte le potenzialità e l’entusiasmo per accogliere viaggiatori come noi: su due ruote e lo ha fatto con la classe e la gentilezza che contraddistingue questa gente.
Forse alcune strade, specialmente in Romagna potrebbero, anzi dovrebbero essere curate di più perché grandi sono le differenze che abbiamo trovato tra l’Emilia, la Toscana e la Romagna. E’ anche per questo ci sforziamo di descrivere i nostri viaggi, nella speranza che questa passione possa essere da sprone  anche a chi non affronta i viaggi in piega.
Emilia Romagna in moto – Emilia Romagna in moto – Emilia Romagna in moto

Per scaricare il tracciato GPX devi essere un utente registrato.

Informazioni per il viaggio

Tempi indicativi di percorrenza: 5 ore – 1 giorno

Dettagli percorso

Inizio itinerario: Sant’Annapelago –Arrivo:Rimini

Note particolari
Km Percorsi

370

Le altre tappe del percorso

marche in moto - la panoramica
Chi vuole farsi una panoramica? Marche in moto. Uno degli itinerari più suggestivi della motorvalley romagnola e marchigiana.Da Tavullia passando per Gradara Si parte da Rimini salendo poi verso San Giovanni in Marignano, attraversando la statale adriatica per svoltare…
Prima domenica del mese, approfittiamo dell’opportunità di poter visitare i musei statali gratuitamente (www.beniculturali.it per date e luoghi) per recarci ad Arezzo. Oltre che il famoso mercato dell’antiquariato, che trova sede in città tutte le prime domeniche del mese, l’appuntamento con le…
Albania in moto – Benvenuti al nord Cullati dall’ospitalità dei traghetti dell’Adria Ferries si attracca al porto di Durazzo, popolarissima meta turistica balneare che per certi versi – e non è che proprio ci piaccia – ricalca le orme…