Registrati

User Registration

This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

Osumi, Berat; Apollonia – nel cuore dell’Albania

Questa tappa è sponsorizzata da

mappa_albania - berat-fier-valona

Riprendiamo in mattinata il nostro viaggio verso il canyon di Osumi per poi proseguire alla scoperta di una terra che si sta rivelando carica di emozioni e di sorprese. Proseguiamo poi alla scoperta di una storia fino a ieri nascosta tra le maglie della propaganda del regime comunista e che solo oggi, molto lentamente sta tornado alla luce. Berat e Apollonia sono due splendidi esempi di questo nuovo racconto.

Un’Albania tutta da scoprire             

L’Albania è piena di autolavaggi. E quando scriviamo piena intendiamo che non solo ogni distributore ne ha uno ma che questi sorgono anche a fianco delle case o in capannoni isolati che incontriamo lungo le strade oppure lungo impervie o improbabili stradine.

Inizialmente sembra quasi assurdo ma ben presto, nel prosieguo del nostro cammino, iniziamo a comprenderne le ragioni fino a sentirne, sia noi che la nostra moto, addirittura il bisogno.

Il tempo variabile, spesso  piovoso, e la condizione delle strade mettono a dura prova l’aspetto del nostro mezzo e non solo. 

In partenza da Corovode verso il canyon

In mattinata si riparte dal paese di Corovode dopo aver passato la notte in un albergo piccolo ma molto pulito situato nella piazza principale del paese: l’hotel Osumi. Camere pulite,colazione semplice con pane fresco, burro e marmellata di produzione propria . Sapori diversi da quelli a cui siamo abituati, sapori semplici e genuini.

Il canyon di Osumi è uno dei più importanti siti naturalistici dell’Albania. Situato nelle vicinanze del paese di Corovode nel centro dell’Albania offre ai turisti in moto uno spettacolare sguardo che, dall’alto di un percorso a curve e tornanti bellissimi, scende verso le pareti rocciose e granitiche che accompagnano la discesa a valle del fiume Osum.

Qui in primavera, allo sciogliersi delle nevi, il fiume si ingrossa così da consentire agli amanti del rafting di poterlo navigare sino a valle godendo di spettacolari cascate e anfratti che si possono incontrare solo navigando il fiume. Noi dall’alto riempiamo occhi e anima della vista di questo spettacolo della natura mentre le ruote della moto corrono e piegano (prudentemente) lungo i tornanti.

albania_canyon di osumi

Si rientra, direzione Berat

Guidando da Corovode verso Berat godiamo della discesa suggestiva e impegnativa della SH72. Tornanti e curve lungo i costoni delle montagne con un occhio puntato al fiume Osum che scorre sotto di noi.

Avevamo già percorso in serata questa strada ma oggi, sotto la luce del sole che si alterna al passaggio di grosse nubi foriere di pioggia, è ancora più bella. Qui la natura e la vastità dei territori formano incantevoli paesaggi ancora poco contaminati dall’uomo mentre le strade si possono considerare prudentemente buone anche per i motociclisti.

albania_osumi

Berat un pò di storia dell’Albania

A Berat ci attende la storia. Qui tra olivi e limoni nel IV sec. a.C. gli Illiri fondano questa città: il clima è ottimale perchè la città prosperi e la posizione è strategica.

Attraversa il tempo, e anche lo spazio, prima come città greca, poi romana e bizantina sino ad entrare nell’orbita dell’impero ottomano nel 1385.

albania_berat

Il castello di origine illirica ci osserva minaccioso dall’alto mentre ci avviciniamo. Fortezza mai espugnata che non soccomberà nemmeno sotto l’attacco di Skanderbeg, il condottiero albanese ed eroe nazionale che invano cinse d’assedio le sue mura nel lontano 1455.

Attorno al castello piccoli monasteri segnano il passaggio delle varie epoche storiche mentre in basso, carico di bellezza e fascino, l’antico paese mantiene intatto il fascino dell’architettura ottomana con le sue abitazioni, dotate di innumerevoli aperture al primo piano e murate al piano terra così da poter divenire all’occorrenza dei piccoli bastioni difensivi o delle torri d’avvistamento difficili da conquistare e che fanno di Berat la “Città delle 1000 finestre”.

Dagli Ottomani agli antichi romani – Apollonia

Lasciamo Berat sotto una pioggia battente che non facilità la nostra risalita verso la costa albanese. La nostra prossima meta è Apollonia che raggiungiamo attraverso l’ SH72 in direzione Fier.

Questo antichissimo sito che dedica il suo nome al dio Apollo ha resistito al tempo e all’incuria e oggi anche sotto la pioggia rimane un punto di interesse vitale e di austera bellezza oltre che di importanza storica ed archeologica immensa.

albania_apollonia

Questa ricca città che prospera grazie al commercio degli schiavi si trovava sulla rotta più vicina al porto italico di Brundusium mantenendo così buoni rapporti con la vicina penisola italica. Noi oggi passeggiando lungo i vialetti di Apollonia possiamo ammirare l’Acropoli e i resti di un Odeon che doveva trovarsi al coperto.

Poco lontano il monastero ortodosso di Santa Maria, una delle ultime testimonianze della storia di una città che con la caduta dell’Impero Romano visse anni di declino trasformatosi in oblio durato sino agli anni ‘30 del ‘900 quando una squadra di archeologi francesi iniziò una campagna di scavi che portò alla luce i reperti che oggi ammiriamo.

Si guida verso la costa adriatica

Nel frattempo le condizioni meteorologiche sono migliorate e possiamo riprendere la discesa verso Zvernec, a non più di una decina di Km da Valona. Domani vogliamo visitare il monastero che ci hanno assicurato essere molto interessante. Per adesso ci siamo persi alla ricerca di un albergo dove passare la notte.

albania del sud

Zvernec e la sua baia

L’Hotel Zverneci si trova in una bellissima baia. 25 euro in due con la prima colazione e, se solo volessimo, ombrellone e lettino sulla spiaggia. Il mare riluce di un azzurro chiaro e il sole tramonta dietro la collina. Pochi turisti si godono gli ultimi strascichi dell’estate. Nessun italiano. Domani si prosegue verso un antico monastero, per oggi basta così, la moto è quasi irriconoscibile e ricoperta di fango, noi anche………Questo è il nostro viaggio.

Per scaricare il tracciato GPX devi essere un utente registrato.

Informazioni per il viaggio

Luogo di partenza: Osumi Canyon - Luogo di arrivo: Zvernec - Continente: Europa - Paesi attraversati: Albania

Dettagli percorso

Luoghi e punti principali: Corovode – Canyon di Osumi – Berat – Fier – Apollonia – Zvernec

Note particolari

Strade asfaltate ma non sempre in buone condizioni. Il tratto da Fier ad Apollonia è in terra battuta - Difficoltà: facile

Km Percorsi

158.65

Le altre tappe del percorso

passo di Llogara
La semplice bellezza di un piccolo luogo – il monastero di Zvernec La giornata è luminosa, e il nostro sguardo si posa sulla sagoma del monastero che si erge solitario sull’isoletta di Zvernec. Siamo dentro la laguna di Narta…
albania_kruje
Un viaggio in Albania            Questo viaggio in Albania era nei nostri sogni da tempo. Erano circa due anni che cercavamo di raggranellare informazioni, o pillole di informazioni, che potessero consentirci di organizzare un itinerario e…
pasao di llogara
Natura, storia,colori e sapori, questo e tanto altro Argirokastro, Berat, Butrinti, è qui nel sud di questo paese che si concentrano storia e cultura, per continuare poi con Apollonia che a metà del paese ci riporta ai fasti dell’Impero…