Registrati

User Registration

This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

Fes, Moulay Idriss, Volubilis, Meknes

Questa tappa è sponsorizzata da

Fes, Moulay Idriss, Volubilis, Meknes e tanto altro per un itinerario che dalla splendida e magica Fes si allunga a Ovest per raggiungere alcune delle località piu' belle di questo paese.

Marocco in moto – verso Fes

Guidando tra curve e tornanti lungo le valli che si aprono verso Fes, senza neanche rendercene conto ci troviamo circondati da immense e interminabili distese di grano che oscilla tranquillo sotto un caldo vento africano.

Una magia lunga quasi 250 Km completata da dolci curve e armoniosi tornanti dove la moto può scivolare veloce e leggera. E noi con essa.

Ogni tanto appaiono laghi di un turchese mai immaginato e gli ormai famigliari uadi, solchi nel terreno in attesa di essere riempiti dalle piogge capaci di trasformarli in un attimo in veri e propri fiumi tumultuosi.

marocco_verso fes

Magica Fes

L’arrivo in serata a Fes è caotico ma altrettanto magico.

Una grande città che si sta rinnovando con la posa di numerosi quartieri moderni ma che all’interno delle sue possenti mura merlate conserva l’antica struttura e l’antico fascino che ha accompagnato le fantasie create dai racconti delle “Mille e una notte” con il suo carico fortemente umano di piccole esistenze e grandi sogni.

Una volta sistemati in un Riad  non esitiamo ad immergerci nel vortice caotico della sua spettacolare mMedina dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.

E’ una delle più famose per bellezza e ben presto ci ritroviamo a respirare insieme ai suoi abitanti l’aria pesante di una umanità carica di cose da fare e mete da raggiungere. Ed è così che presto, trascinati da questo vortice,  ci perdiamo tra le sue vie.

marocco_fes il mercato  marocco_fes la medina

Il quadrilatero magico

In mattinata si riparte dedicando la giornata ad un tour eccezionale che, partendo da Fes ci porta prima a Moulay Idriss, poi a Volubilis, ed infine a Meknes.

Ripercorrendo a ritroso la strada del giorno prima, in breve ci ritroviamo immersi nel giallo del grano che oggi si muove dolcemente come le onde di un mare appena appena increspate. E’ la vastità di questo paesaggio quella che più turba, la consapevolezza di essere parte immensamente piccola di un universo che qui sfugge al tuo controllo.

La nostra moto, una volta presa la provinciale 7014 dopo aver abbandonato la nazionale 4, inizia la salita verso Moulay Idriss Zerhoun città santa e meta di pellegrinaggio per quei fedeli che non possono permettersi un viaggio verso la Mecca.

Tornanti e curve di queste vie secondarie ci portano ad attraversare un paesaggio bucolico e ancestrale, proprio come piace a noi quando viaggiamo su terre dove immense sono le distese degli ulivi. Ed eccola all’improvviso abbarbicata su due colline la Medina della città santa dove una moltitudine di fedeli si muove intorno ad un minareto dalla forma cilindrica, inusuale per il Marocco dove nella quasi totalità hanno forme quadrate.

Carrettini trainati da asini e macchine si mescolano in maniera caotica lungo la strada principale del paese mentre la Medina, che si allunga e si sviluppa lungo i costoni delle colline, offre una salita verso la cima tortuosa e suggestiva.

Costruzioni accavallate l’una alle altre, dipinte di verde e di rosa offrono la mappa dei quartieri abitati da berberi e arabi, mentre il blu e l’azzurro, usato anche qui come repellente contro gli insetti, completano questo percorso colorato e armonico che siallunga sino alla cima attraverso viuzze anguste e scalette.

E’ un tuffo in una realtà che ci affascina e stimola la nostra curiosità. La moschea poi, rigorosamente vietata i non mussulmani, si può ammirare solo dall’alto con la spettacolare

vista dei suoi tetti verdi che risplendono sotto il sole.

marocco_moulay idriss

Il sito archeologico di Volubilis

Bastano solo 5 Km più in là però, per ritrovare noi stessi ed un angolo di storia che ci appartiene e ci lega a queste terre. Volubilis.

Sfidando il tempo questi resti dell’antica città romana sono giunti sino a noi, raccontando dell’espansione e del ruolo della civiltà romana anche in questa parte di mondo.

Un arco di trionfo in onore di Caracalla apre la porta al decumano che, insieme ai resti di terme e di antiche e fastose ville, offre ancora oggi la vista di mirabili mosaici. Un piccolo angolo di Marocco dove possiamo raccoglierci intorno alle storie di Giuba II re di Mauritania e di Caracalla imperatore romano, sin anche di Caligola, che qui era solito passare lunghi periodi.

marocco_volubilis arco

Si guida verso Meknes

Un nuovo tuffo nell’immensità dei campi di grano per arrivare dopo 35 Km a Meknes, con Fes, Marrakech, Rabat, una delle quattro Città imperiali del Paese.

Siamo nuovamente rientrati nelle suggestioni berbere che qui ritrovano un passato che risale sino al X sec. Possenti mura circondano il palazzo reale e porte imponenti salutano i visitatori che come noi si apprestano ad entrare nella città.

Impressionante la passeggiata nella qasba a ridosso delle mura, quasi claustrofobiche per certi suoi passaggi angusti e bui che si ramificano sino a farti perdere l’orientamento.

Il mercato coperto della città è assolutamente il più autentico fra tutti quelli finora visitati. Fra odore di sangue animale, carne cruda appesa ai ganci delle macellerie e montagne di spezie dai colori sgargianti possiamo ammirare stupefatti montagne di datteri freschi e dolcetti prodotti in loco che le mosche e le api sembrano apprezzare più di noi – Tutto meravigliosamente reale  – lo zucchero che trasuda.

A Meknes, tra incantatori di serpenti e ammaestratori di scimmie, non dimenticate di assaggiare il “whiskey dei berberi”, il famoso e gustosissimo te alla menta dall’aroma rigenerante così unico.

marocco_meknes porta città  marocco_meknes piazza

Rientro nella accoglienti mura di Fes

Rientriamo in serata tra le splendide mura della Medina di Fes godendo del caldo e accogliente caos del mercato. Accostandoci ai banchi dei macellai all’ora di cena possiamo assistere all’accensione dei fornelli dove si preparano  gustosi panini ripieni di carne e salse a base di spezie che vengono offerti per pochi Dhiram.

Oppure salire le scalette ripide e anguste di bar o sale da te su fino alle terrazze da dove ci si può allontanare dal via vai che scorre impazzito sotto di noi.

Siamo nel cuore del Marocco, dentro la sua storia.

Domani si parte e la destinazione è un cult per ogni motociclista che abbia nel cuore epica e avventura: il deserto e le sue dune rosate che dopo oltre 500 km ci stanno aspettando a Merzouga.

Per scaricare il tracciato GPX devi essere un utente registrato.

Informazioni per il viaggio

Un tuffo nella storia di questo paese tra dominazione romana e religione. Piccole strade a tratti sterrate ma di facile percorrenza ciguidane nel cuore delle montagne dove il tempo si è fermato.

Dettagli percorso

Strade facili da percorrere per moto che sono dotate di gomme tassellate. Le strade per lo più sono asfaltate ma alcuni tratti possono diventare impegnativi

Note particolari

Non perdete la visita al sito archeologico di Volubilis dove la nostra storia si incrocia con quella di questo popolo. Anche una passeggiata nella casbah di Meknes si riveleràun'esperienza indimenticabile

Km Percorsi

377

Le altre tappe del percorso

marocco_merzouga
Un paese sviluppato nelle sue infrastrutture, votato all’ospitalità e all’accoglienza ma anche legato fortemente alla sua cultura e al suo passato. L’Atlante, la maestosa catena montuosa che divide il Marocco in due sia dal punto di vista fisico che…
marocco_chefchaouen
Le Medine di Tetouan e di Chefchaouen sono le piu’ vere e meno turistiche di tutto il Marocco. Marocco in moto – Pronti via !!! Un azzurro che ci avvolge subito entrando a Tetouan, raggiunta una volta scesi dal…
marocco_merzouga
Merzouga in moto – da Fez al deserto del Sahara. In partenza dalla magica Fez Al-Magrib – Magreb, la “terra del tramonto”, così gli arabi avevano battezzato il marocco per essere situato nell’area più a ponente del Nordafrica, la…