Registrati

User Registration

This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

La valle dell’arte – da Arezzo a Rimini

Questa tappa è sponsorizzata da

italia

Dopo aver attraversato la valle della poesia dove i versi di Tonino Guerra e le sue installazioni ci accompagnano sino al confine con la Toscana eccoci immersi nelle storie affrescate di uno dei grandi artisti del "400 - Piero della Francesca che ci riporterà a Rimini attraversando il territorio marchigiano.

In partenza da Arezzo verso gli Appennini

Monterchi

Lasciata Arezzo ritroviamo, dopo un breve tratto lungo la Statale 73 tracce dell’artista a Monterchi dove rimaniamo incantati davanti alla poetica “Madonna del Parto” ed è da qui che, una volta attraversata San Giustino, ci apprestiamo ad affrontare uno dei passi più adrenalinici dell’intero Appennino, quella Bocca Trabaria che tornante dopo tornante ci guida nella valle dove nasce il Metauro.

In piega lungo Bocca Trabaria

SS73bis, curva, tornante stretto, controcurva, serpentina e poi su, si sale. Piega a destra e poi a sinistra, è veramente divertente questa cavalcata attraverso l’Appennino tosco – marchigiano sia per chi guida ma anche per il passeggero che può godersi tra una piega e l’altra un panorama di grande bellezza volgendo lo sguardo verso la cima del passo o verso il basso e la pianura che abbiamo appena attraversato.

bocca_trabaria

Una giostra per i motociclisti che qui si incontrano e si salutano con il tipico movimento della mano o della gamba. 

bocca trabaria

Si svalica nelle Marche

Il piccolo  paese di Borgo Pace ci attende con le sue poche case in muratura e le acque di un fiume dal colore verde intenso che, se seguito, ci porterebbe sino in Adriatico.

SS73bis, una strada perfetta per le moto, divertente, ricca di curve, larga e ben tenuta. Qui la moto può correre facilmente attraverso i bellissimi panorami dell’Appennino marchigiano.

Sant’Angelo in Vado ci attende per accoglierci affettuosamente tra le sue mura. Questo borgo ama le moto e i motociclisti che ogni anno, a metà ottobre, sono qui per partecipare a uno dei raduni più popolari nel il mondo delle due ruote: il Motoraduno internazionale del Tartufo. Una vera e propria festa che, tra vino caldo, castagne e l’odore intenso dello straordinario tubero che fa bella mostra sui banchi lungo la strada principale del borgo, riempie i vicoli e i locali di vocianti motociclisti che si danno appuntamento qui, ogni anno sempre più numerosi, raggiungendo il paese dall’Italia ma anche dall’Europa.

sant'Angelo in Vado

Urbino e gli affreschi di Piero

Oggi sono pochi motociclisti che ci tengono compagnia fino all’antica e suggestiva Urbania e poi ancora Fermignano e Urbino che raggiungiamo dopo una girandola di curve.

Perle di grande bellezza dove il tempo sembra essersi fermato in un itinerario entusiasmante, quasi tagliato sul desiderio di ogni motociclista di immergersi nella dolcezza del territorio in cui si viaggia.

E’ a Urbino, nel Palazzo Ducale, in quello scrigno di bellezza voluto da Federico da Montefeltro, che sono contenute altre opere inestimabili di Piero (senza dimenticare Raffaello che a Urbino nacque nel 1483) come l’enigmatica “Madonna di Senigallia” o la “Flagellazione di Cristo” esposte nelle sale della Galleria Nazionale delle Marche.

Dai tornanti marchigiani a quelli romagnoli

E’ una strada minore e quasi nascosta quella che da Urbino ci porta verso la costa adriatica, ma forse proprio per questo che si incontrano luoghi di grande poesia.

Come la Sp24 che risale il crinale e attraversa la piccola Auditore, ad esempio, da cui ha inizio la discesa quasi poetica che ci porterà verso Monte Altovelio dove la striscia d’asfalto taglia il giallo dei campi per proseguire lungo una serie incessante di stretti tornanti sino a Mercatino Conca.

monte alto velio

Siamo alla fine del nostro viaggio, ultimi chilometri lungo la provinciale 18 per arrivare a vedere il mare. Montescudo infatti dall’alto della sua rocca ci regala un fantastico sguardo verso il blu dell’Adriatico e una sosta, l’ultima, prima della discesa verso Rimini che con le sue spiagge assolate e le sue tracce di antichi splendori ci accoglie nuovamente.

Per scaricare il tracciato GPX devi essere un utente registrato.

Informazioni per il viaggio

Luogo di partenza: Arezzo - Luogo di arrivo: Rimini - Continente: Europa - Nazione: Italia - Regioni attraversate: Toscana, Marche, Romagna -

Dettagli percorso

Luoghi e punti principali: Arezzo, Monterchi, Passo Bocca Trabaria, Sant'Angelo in Vado, Urbino, Rimini

Note particolari

Strade provinciali secondarie. Tutte in ottimo stato - Difficoltà: facile - Adatto a tutti

Km Percorsi

174.49

Le altre tappe del percorso

romagna_valmarecchia
Romagna Motorcycle – un nuovo imperdibile itinerario “C’è chi non sa dove andare e sta correndo per andarci subito.” E’ con la sintesi profonda della poesia che Tonino Guerra, il magnifico cantore della Valle del Marecchia, in una delle…
valmarecchia_san_leo
Da Rimini in moto – primi passi in valle Una terra antica quella su cui scorre la valle del Marecchia che oltre a eserciti, santi e commerci ha visto passare lungo questa valle anche personaggi come Piero della Francesca,…