Registrati

User Registration

This site is protected by reCAPTCHA and the Google
Privacy Policy and Terms of Service apply.

Da Mesola a Ravenna, dentro il delta del Po

Questa tappa è sponsorizzata da

Emilia_romagna

Ultimo giorno di viaggio lungo il ramo perduto del Po. Oggi si guida lungo il Delta un luogo affascinante e suggestivo che ci porterà quasi a guidare sulle acque. Sospesi tra cielo e acqua

Il delta del Po e il suo Parco

Al di là della Romea che da Rimini arriva a Venezia è il Parco del Delta del Po capace di raccogliere e proteggere ambienti naturalistici di grande bellezza cominciando proprio dal Bosco della Mesola, all’interno della quale di trova anche la riserva naturale capace di conservare la memoria delle antiche foreste che fino all’età moderna ricoprivano la costa adriatica.

Natura ma anche cultura, proprio come quella della cinquecentesca Torre Abate, forse la testimonianza architettonica più evocativa dell’impegno dell’uomo nella difesa idraulica di questo territorio.

torre dell'orso_mesola

Goro, Gorino e l’isola dell’amore

Non occorre poi molto per riprendere l’argine del fiume e giungere così a Goro e, qualche km oltre, Gorino, ultimo insediamento urbano di questo ramo del fiume e della Romagna.

Lo spettacolo del suo porticciolo dove la pesca è professione è bellissimo, specie al rientro delle barche, ed è da qui che durante la bella stagione è possibile imbarcarsi per raggiungere l’isola che, sormontata da un faro, per la sua bellezza è stata chiamata “L’isola dell’amore”. Sulla strada d’argine opposta è possibile avvicinarsi a questa punta estrema, ed è emozionante farlo superando il ponte di barche che oltre a farti attraversare il Grande Fiume, ti proietta in un mondo lontano ed entusiasmante.

il po_isola dell'amore

L’abbazia di Pomposa

Con un rapido dietrofont in una ventina di km, sfiorando la riserva naturale del Gran Bosco della Mesola accessibile a piedi o in bicicletta, siamo davanti a uno dei capolavori assoluti di questo territorio, quella Abbazia di Pomposa che per lungo tempo fu baluardo ed emblema dell’irriducibile lotta per la bonifica di queste terre.

abbazia di pomposa

Fu infatti attorno ai monaci Benedettini dell’Abbazia di Pomposa che, a cavallo dell’anno Mille, presero corpo numerosi interventi di bonifica delle zone paludose circostanti.

L’abbazia nasconde al suo interno affreschi trecenteschi di rara bellezza così come lo splendore di un raffinato pavimento a mosaico. Una ricchezza dovuta al ruolo che questo centro ecclesiale ebbe destinato a un brusco decadimento con la rotta del fiume a Ficarolo che portò al progressivo impaludamento del territorio circostante l’abbazia fino all’abbandono del convento a metà del ‘500 per le condizioni malsane dell’ambiente e all’esaurirsi dei rami meridionali del Volano e del Primaro.

Alla scoperta del ramo del Po di Volano

E’ proprio il ramo del Po di Volano che incontriamo a poca distanza seguendolo fino alla foce dove il suo corso si spegne in mare in un paesaggio marino che fuori dagli eccessi del turismo estivo rimanda a un tempo antico.

Seguiamo la strada che costeggia la costa correndo tra il mare e Valle Bertuzzi una delle aree umide più suggestive del Parco del Delta del Po, scelta come proprio habitat da una folta colonia di fenicotteri rosa.

po di volano

Comacchio, la piccola Venezia romagnola

E’ poco prima del circuito di Pomposa, l’impianto nato per le minimoto e via via cresciuto nel tempo fino a raggiungere i 1600 metri, che tagliando i campi lungo le poderali secondarie arriviamo a Comacchio caratterizzata, come una piccola Venezia, da ponti e canali che ne disegnano il cuore del centro storico facendo di questo antico insediamento tardo-romanico un luogo unico, ricco di grandi suggestioni e forti sapori.

Comacchio

L’argine Agosta e i traghetti sui canali d’acqua

Acqua di qua, acqua di là, e al centro gli undici km dell’Argine Agosta, che dritta come un fuso taglia le valli. Un’esperienza quasi esoterica, specie se si ha la fortuna di ritrovarsi soli a correre lungo questo nastro asfaltato liscio come biliardo.

Al termine dell’Argine Agosta una stradina ci porta fiancheggiando l’argine sud delle valli davanti al paesino di S. Alberto dove un traghettino, portandoci come un tempo sull’altra sponda, rende maggiormente magico questo viaggio anche perché le acque che superiamo sono quelle che oggi appartengono al fiume Reno che dall’Appenino, sfiorando Bologna, giungono fino a qui.

La fine del nostro viaggio ci porta a Ravenna

Ravenna è a una ventina di km e su questi corsi d’acqua, che garantivano, come racconta Plinio e conferma Strabone, i collegamenti tra il mare e la pianura Padana fino a Torino e Milano, la città che fu per tre volte capitale fece la sua fortuna collegata com’era al corso del Po attraverso la Fossa Augusta, un canale artificiale navigabile realizzato nell’epoca diAugusto lungo parecchi chilometri e ampio sino a sessanta metri.

Ravenna, sede della flotta imperiale, fu così per lungo tempo cerniera tra la navigazione adriatica, quella padana e quella endolagunare che saliva al riparo dalle avversità marine verso il nord verso Venezia e Aquileia. Da qui la sua fortuna e la sua storia che, affascinante com’è, ci permette di conoscerla meglio e ancor più profondamente amarla.

Per scaricare il tracciato GPX devi essere un utente registrato.

Informazioni per il viaggio

Luogo di partenza: Mesola - Luogo di arrivo: Ravenna - Continente: Europa - Paesi attraversati: Italia - Zone attraversate: Delta del Po

Dettagli percorso

Luoghi e punti principali: Mesola - Goro, Gorino, Bosco di Mesola, Pomposa, Lido di Volano, Comacchio, Ravenna

Note particolari

Strade provinciale secondarie e primarie, tutte asfaltate - Difficoltà: Facile - Adatto a tutti

Km Percorsi

129.46

Le altre tappe del percorso